Vai al contenuto

Nubifragi

I nubifragi sono violenti rovesci temporaleschi, che in genere si manifestano nel periodo estivo o all'inizio dell’autunno, in concomitanza di situazioni meteorologiche caratterizzate da elevata instabilità.
Durante questi eventi, i problemi maggiori derivano dall'incapacità di smaltimento delle acque meteoriche da parte della rete scolante, talvolta impedita dalla presenza di ostacoli (attraversamenti tombinati ecc.) che possono ridurre la sezione di deflusso.
Talora anche le fognature manifestano limiti nel dimensionamento, spesso aggravato dall'intasamento delle bocchette di scolo o dall'ostruzione dei collettori sotterranei ad opera di detriti, frammenti vegetali e rifiuti trascinati dalle acque all'interno delle tubazioni.
I nubifragi assumono rilievo a causa dell’esposizione al rischio di danneggiamento per i beni, le merci (magazzini, negozi, laboratori) e gli impianti tecnologici, che spesso vengono collocati nei seminterrati dei fabbricati.
La pericolosità per le persone è rappresentata dalla rapidità di formazione e deflusso delle piene dei corsi d’acqua minori, dall'allagamento di tratti di viabilità con possibile sviluppo di incidenti stradali e dalla caduta al suolo di fulmini.

Una delle zone interessate da tali fenomeni nel mese di agosto 2015 è stata la zona ospedale come evidenziato dalle immagini:

Altri casi si sono verificati nel mese di settembre 2011 dove un violento temporale ha prodotto un accumulo notevole di ben 113 mm Le conseguenze sono state evidenti.
Chiusa al traffico la SS16 invasa da una notevole quantità di acqua e fango. Traffico in tilt anche in città a causa delle strade abbondantemente allagate.

Ad essere inondati, come avviene di consueto in questi casi, i sottopassi pedonali ed automobilistici. Bloccato il sottovia di Via Ludovico Ariosto nei pressi del Comando della Polizia municipale, bloccato anche il sottovia di Contrada Santo Stefano.
Ovviamente anche le campagne.

Torna a Rischio meteorologico

Accessibility